Il Bilancio Familiare: una nuova versione

Quando aprite l’app della vostra banca vi aspettate ogni volta un saldo più alto?

Attendete con trepidazione il giorno di accredito dello stipendio sul conto?

Avete programmato da anni il viaggio che sognate da una vita ma non riuscite a mettere da parte un euro?

Il saldo del vostro conto è una inesorabile discesa verso l’abisso?

Non serve chissà quale magia o rituale strano per capire che state spendendo troppo rispetto a quanti soldi guadagnate. Acquisire questa consapevolezza è il primo passo per gestire il denaro e con esso la vostra tranquillità finanziaria.

E’ importante capire quindi dove vanno a finire i soldi che spendete. Lo strumento più importante è quello che vi consente di rendicontare entrate e uscite in modo da darvi una panoramica della vostra situazione patrimoniale. Questo strumento è il Bilancio Familiare.

Potete creare la vostra copia del Bilancio Familiare come foglio di calcolo di Googlesheets dal pulsante di seguito (è necessario un account Google attivo).

Ecco l’unico cruscotto di cui avete bisogno per gestire le vostre finanze.

Il cruscotto

Guida al Bilancio Familiare

Il cruscotto

E’ la home page del tuo Bilancio Familiare. E’ una istantanea della tua situazione finanziaria attuale e passata in un’unica pagina. Consente di visualizzare in un attimo:

  • il tuo risparmio come differenza tra entrate totali e uscite totali;
  • il trend storico di entrate ed uscite;
  • il risparmio e il trend storico filtrato per anno;
  • le medie mensili e la comparazione con i dati inseriti a budget per categoria;
  • un’analisi drill-down per singola categoria per determinare se riusciamo a rispettare il budget che ci siamo imposti oppure se lo abbiamo sforato e in quali mesi lo abbiamo fatto.

Sia il periodo che la categoria sono gestibili da un semplicissimo menù a tendina popolato in base ai dati inseriti.

Le categorie

Gestione delle categorie

Nel foglio dedicato alle categorie è possibile gestire fino a 50 categorie, utilizzabili sia in Entrata che in Uscita. Per ogni categoria è possibile impostare un budget di spesa medio mensile.
Automaticamente nella colonna Budget di spesa annuale viene fatto un calcolo molto semplice per riportare a livello annuale quella spesa e dare indicazione se l’importo inserito a budget è realistico o meno, mentre nella colonna Spesa media mensile per categoria viene mostrato l’effettivo flusso di cassa medio mensile in entrata o in uscita per quella categoria in base ai dati inseriti.
Nella parte in alto, inoltre, viene fatta una semplice somma tra Entrate e Uscite inserite a budget. Se la differenza è negativa, ossia avete preventivato di spendere più di quello che guadagnate, la cella del Risparmio si colora di rosso, avvertendovi del rischio al quale andate incontro se non avete un saldo Entrate meno Uscite positivo.

Operazioni

Caricamento delle operazioni

Il foglio Operazioni serve per l’inserimento vero e proprio delle singole entrate e uscite. Per ogni riga è necessario inserire tra parametri chiave:

  • la data: nel formato gg/mm/aaaa;
  • l’importo: fondamentale inserire le uscite con segno meno (il testo si colora di rosso, altrimenti diventa verde);
  • la categoria a scelta tra quelle inserite nel foglio dedicato.

C’è poi un quarto campo, Note, che vi consente di inserire un testo libero.

Esistono principalmente due metodi di inserimento.

Inserimento singolo

L’inserimento singolo consiste nel registrare manualmente tutte le singole voci di entrata e uscita che si presentano quotidianamente. E’ un metodo secondo me eccessivamente laborioso che può far passare la voglia di tenere aggiornato il file.

Inserimento massivo

Ogni fine mese accedete al vostro home banking, selezionate i movimenti del mese appena concluso e scaricate su excel tutte le transazioni (ogni piattaforma vi consente di farlo). A questo punto copiate date, importi e categorizzazioni (o in alternativa portate le causali e categorizzate direttamente su Google Sheets) all’interno del foglio Operazioni. In questo modo avete già tutte le transazioni del mese appena chiuso caricate sul file. Se avete più conti, non vi resta che ripetere la stessa operazione per tutti i conti. Considerando la categorizzazione, che è l’attività che porta via più tempo, 30 minuti al mese sono sufficienti. Questo è il metodo che uso io ogni primo del mese per aggiornare il mio file.

Bilancio Familiare – FAQ

Come posso inserire il mio ultimo saldo dei conti correnti prima dell’inserimento delle entrate e uscite sul foglio di calcolo?
Se avete necessità di caricare l’ultima fotografia del saldo sui vostri conti per tenere traccia della liquidità di cui disponete, è sufficiente inserire una categoria nuova (ad esempio Liquidità iniziale) al 31 dicembre dell’anno precedente di tipo Entrata con il valore della liquidità disponibile. Tale categoria figurerà a tutti gli effetti come se fosse una entrata vera e propria. Avendo inoltre caricato il movimento sull’anno precedente, non impatterà le vostre analisi sull’anno in corso.

Come posso gestire il Risparmio sul foglio di calcolo?
Il modo nel quale ho pensato lo strumento è di gestire flussi di entrata e flussi di uscita. Normalmente non gestisco i flussi di trasferimento da un conto all’altro (ad esempio da un conto corrente ad un conto deposito o ad un conto titoli).
Tuttavia è possibile farlo gestendo una nuova categoria Risparmio come Uscita a tutti gli effetti.
Il mio consiglio è di gestire questo tipo di informazioni su un foglio di calcolo dedicato a tracciare il vostro patrimonio netto. Se masticate un po’ di economia aziendale, dovreste vedere questo foglio di calcolo come un Conto Economico (contiene i flussi di entrata e uscita) e il foglio del Patrimonio Netto, che contiene la fotografia di ogni fine mese, come uno Stato Patrimoniale.

Posso gestire entrate e uscite in più valute?
No, al momento non è possibile gestire nel foglio di calcolo entrate e uscite in valute diverse. La valuta principale è sempre l’euro, nulla vieta comunque di utilizzare una valuta diversa ma deve essere l’unica gestita. Per cambiare la valuta default di Google Sheets andate su File > Impostazioni > Impostazioni Internazionali. Questa modifica non fa altro che cambiare la valuta settata di default da Google Sheets ma non modifica le attuali impostazioni delle valute presenti sul file. Per farlo dovrete modificare manualmente tutte le celle che contengono numeri in formato valuta.

Conclusioni

Redigere un budget familiare è il primo passo per riprendere in mano le redini della vostra vita finanziaria.

Grazie a questa routine non solo riuscite a capire dove finiscono i vostri soldi, ma pian piano riuscirete ad impostare degli obiettivi concreti che vi possono dare una mano importante nel mettere da parte quanto basta per soddisfare i vostri bisogni di lungo termine.

Per qualsiasi domanda, dubbio, feedback o informazione potete utilizzare i commenti nella parte in basso oppure potete mandare una mail a investitorecomune@gmail.com.

Grazie per la lettura.

Se ti è piaciuto l’articolo, iscriviti per rimanere aggiornato

Niente spam, ti invierò solo un aggiornamento mensile.


Puoi anche condividerlo sui social

Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Torna in alto